Archivi tag: romanzi e racconti

romanzi e racconti
Lansdalep

In fondo alla palude

“ Tutto accadde, ricordo, negli anni ’33 e ’34.”Il vecchio Harry ricorda gli avvenimenti tragici e straordinari che hanno inizio nella calda estate del ’33 nel Texas orientale, una terra dilaniata dalla povertà e dalla violenza. Harry vive con i genitori, Jacob e May Lynn, e la sorellina Tom in una casa ai margini del bosco, a qualche chilometri da Marvel Creek, “ non una vera e propria città, ma l’incrocio fra due strade, Main e West.”

Continua a leggere »

Pubblicato il mercoledì 14 marzo 2012 - 13:48
 
Lascia un commento | 14.03.2012
l_isola_dei_due_mondi

L’isola dei due mondi

Bethia Mayfield è la protagonista del romanzo “ L’isola dei due mondi” di Geraldine Brooks.
Siamo nell’anno 1660 nell’isola di Noepe, che noi oggi conosciamo come Martha’s Vineryard, dove da poco si sono stabilite alcune famiglie di coloni inglesi in dissidio con le autorità di Massachussetts Bay. La comunità è guidata da Thomas Mayfield e da suo figlio John che ne è l’integerrimo e fervente pastore. Bethia è la figlia di John, bimba vivace e intelligente, che fino all’età di nove anni vive una condizione di privilegio, istruita ed educata al pari del fratello maggiore Makepeace. Continua a leggere »

Pubblicato il lunedì 20 febbraio 2012 - 13:40
 
Lascia un commento | 20.02.2012
dueh

Due storie sporche

Come sempre Alan Bennett non ne sbaglia una. Questa volta, come la copertina ci suggerisce, lui ci permette di “spiare”, dal buco della serratura, l’intimità e la quotidianità dei rapporti umani. Senza mai cadere nella volgarità, senza mai descrivere l’ovvio, ma soffermandosi su dettagli esilaranti e a volte grotteschi, ecco due diverse storie, che come tante, possono nascondere dei segreti. Continua a leggere »

Pubblicato il giovedì 1 dicembre 2011 - 18:14
 
Commento (1) | 1.12.2011
fits

Francis Scott Fitzgerald, “Il diamante grosso come il Ritz”. Racconti d’autore

Questo di Fitzgerald è un racconto surreale. Il protagonista è un ragazzo della buona e ricca borghesia del sud, John T. Unger, mandato in una scuola d’élite vicino Boston e qui entra in contatto con altri ragazzi dell’alta società statunitense. Fin qui, niente di particolare. A un certo punto, però, nella scuola arriva un altro, misterioso ragazzo, Percy Washington, che si tiene in disparte da tutti tranne da John. Percy invita John a passare le vacanze estive a casa dei suoi nel Montana. Continua a leggere »

Pubblicato il mercoledì 30 novembre 2011 - 18:11
 
Lascia un commento | 30.11.2011
romoloilgrande

Romolo il Grande: l’imperatore pollicoltore

Costretta a lunghi pomeriggi oziosi da una brutta caduta che mi impone l’immobilità mi ritrovo nell’inusuale condizione di dover riempire il tempo, invece che sfruttarne i ritagli per mille commissioni.
Trascorro molte ore leggendo (da quanto tempo non potevo più permettermi questo lusso!) e ieri ho preso in mano un librettino che mi girava in casa da tempo: Romolo il Grande, di Friedrich Dürrenmatt, edito da Marcos Y Marcos. Continua a leggere »

Pubblicato il mercoledì 30 novembre 2011 - 15:19
 
Lascia un commento | 30.11.2011
kaulonia

Kaulonia

Caulonia – l’antica Kaulonia della Magna Grecia – è un paesino della Calabria, fatto di poche case avvinghiate a uno sperone di roccia, a pochi chilometri dal mare. Ogni anno, ad agosto, si svolge un festival di musica popolare che richiama migliaia di turisti. Un‘estate, durante l’evento musicale, un uomo, solo, arrivato da lontano, si ritrova tra la folla allegra e vivace. Non era al corrente della festa e non è per essa che è venuto. Ha fatto ritorno nei luoghi in cui ha trascorso le vacanze estive da ragazzo, per tenere fede alla promessa fatta con i due amici inseparabilidi un tempo, Ascanio e Norma, di ritrovarsi lì dopo trent’anni. Rivede luoghi ai quali lo legano ricordi bellissimi, ma che non corrispondono a quelli della memoria: un turismo frettoloso e consumistico, chiassoso e villano, ha invaso quelle spiagge assolate. Ripercorre con la mente tutta la sua vita, con la consapevolezza di aver fatto naufragio negli affetti e nel lavoro. Ma eventi inattesi e volti sconosciuti gli offrono calore umano e il senso di una nuova speranza. Sullo sfondo c’è una Calabria preda di vecchi problemi e luoghi comuni. Una realtà che stenta ad affrancarsi da un passato gravoso, e figure straordinariamente piene di umanità, e vere.

Nino Amoddeo è nato a Reggio Calabria dove ha vissuto fino a diciott’anni. Dopo gli studi di Ingegneria a Napoli si è trasferito a Torino dove tutt’ora vive e lavora.
KAULONIA”, è il suo primo romanzo

 

 

Pubblicato il martedì 29 novembre 2011 - 11:39
 
Lascia un commento | 29.11.2011
ilDestinoDiPsiche.jpg

Il Destino di Psiche – l’ultimo romanzo del lodigiano Furio Thot

Tre ragazze di provincia, provenienti da estrazioni sociali diverse, con caratteri e personalità che alle volte si scontrano, si arruffano ma che rimangono sempre fedeli a se stesse. Amiche. Alice, Sabrina e Rodica ci prendono per mano e ci fanno vivere le proprie vite, tra amori sbagliati e insicurezze adolescenziali  mai superate.
Sullo sfondo di una Lombardia nebbiosa e poco tollerante verso l’altro, si staglia la vicenda di Shamira, una ragazza marocchina con il sogno della vita all’Occidentale, lontana dalle pratiche e dalle severe regole imposte dalla sua cultura e dalla sua famiglia. Continua a leggere »

Pubblicato il lunedì 28 novembre 2011 - 13:44
 
Lascia un commento | 28.11.2011
bartoli_alta(1)

La venditrice di piccole cose

Una raccolta di dieci racconti ambientati in alcuni paesi della valle del Serchio e collocati a cavallo degli anni Cinquanta-Sessanta. Nei dieci raconti de “La venditrice di piccole cose” si respira aria di provincia, l’aria di quel piccolo mondo che vive nella valle del corso medio del Serchio in cui si muovono i protagonisti; Personaggi, soprattutto donne, che vivono un’esistenza comune, scandita dai ritmi della quotidianita’ in un tempo “passato prossimo” che racchiude in se, tra gli altri, il tema sempre attuale della solitudine.

Continua a leggere »

Pubblicato il giovedì 24 novembre 2011 - 12:56
 
Commento (1) | 24.11.2011
prova cop.indd

“Binario 7″ di Erika Rigamonti

“Gloria ha tredici anni, lunghi capelli rossi e una pelle bianca come il latte. Frequenta una scuola privata e vive in un attico nel centro di Milano. Ha un padre di successo, una madre giovane e gentile: ma l’invidiabile facciata nasconde una realtà ben diversa, fatta di violenze, tradimenti e cinismo, di perbenismo conformista, di un vuoto interiore che la ricchezza non può certo colmare. E proprio lei, la giovanissima Gloria, sarà la vittima attorno alla quale l’egoismo e la crudeltà degli adulti giocheranno una partita perversa. Continua a leggere »

Pubblicato il mercoledì 23 novembre 2011 - 18:44
 
Commento (1) | 23.11.2011
cent

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

“Quelli che dicono soltanto la verità non sono degni di essere ascoltati”…
Può il lettore immedesimarsi nel personaggio principale, se questo è un centenario e, per di più , svedese? E’ quello che mi sono chiesta guardando la copertina, poco invitante, del libro di un autore a me sconosciuto. Eppure mi attirava quel “…saltò dalla finestra e scomparve”. Continua a leggere »

Pubblicato il mercoledì 23 novembre 2011 - 18:00
 
Lascia un commento | 23.11.2011
28_Vitali_IlSole

“Parola di Cadavere”: l’inedito di Andrea Vitali in edicola domenica 27

Dopo l’inedito di John Cheever di domenica scorsa, la serie dei “Racconti d’autore” che il Sole 24 Ore pubblica in allegato ogni domenica, si arricchisce di un nuovo inedito scritto appositamente per noi da Andrea Vitali, uno degli autori più apprezzati nel panorama letterario italiano. Lodato dalla critica e amato dal pubblico è stabilmente in vetta alle classifiche di vendita anche all’estero. Continua a leggere »

Pubblicato il mercoledì 23 novembre 2011 - 13:45
 
Commento (1) | 23.11.2011
ognuno

Ognuno muore solo

In una Germania nel vivo della Seconda Guerra Mondiale è proibito avere delle opinioni, vietato pensare, impossibile distaccarsi dall’operato bellico o cercare di non farne parte. Anche il migliore vicino di casa o collega di lavoro può trasformarsi in una spia, al soldo delle SS. ‘Non fidarti di nessuno’ sembra essere il mantra da ripetere all’infinito. E’ a Berlino, tra il 1940 e il 1942, in questo clima cupissimo, che si muovono i due protagonisti, Otto e Anna Quangel, coppia solitaria e assai anonima. Continua a leggere »

Pubblicato il venerdì 18 novembre 2011 - 18:14
 
Commento (1) | 18.11.2011
europe

Europe Central di William T. Vollmann

Il libro è un nucleo indivisibile costituito dal totalitarismo nelle sue declinazioni nazista e sovietica. Attorno a questo nucleo gravitano, come elettroni, tante storie. Forse più che storie sono fotogrammi della vita di vari personaggi – reali ed immaginari, ma questo è secondario – descritti nel fluire della propria esistenza allorché si trovano di fronte a decisioni fondamentali per la Storia della Seconda Guerra Mondiale e per la piccola storia quotidiana e personale. Continua a leggere »

Pubblicato il venerdì 18 novembre 2011 - 15:21
 
Commenti (3) | 18.11.2011
munro

Il percorso dell’amore

Il percorso dell’amore va a ritroso. Dall’amore scontato, dall’amore dichiarato e garantito, verso l’essenza di quel filo prodigioso, sfilacciato, ingarbugliato, che comunemente, scioccamente, vanamente chiamiamo amore. Come se una parola potesse racchiudere tutto. La passione, la cura, la comprensione, la rabbia, il bisogno, il dono, la paura. Alice Munro con il suo tratto preciso, affilato, sorprendentemente vivido, dipinge l’impossibile, l’instabilità del confine, le emozioni, come veli dai colori più diversi che sovrapposti ne creano uno mai visto, non ripetibile eppure simile a mille altri, un colore che non ha un nome in natura. Continua a leggere »

Pubblicato il giovedì 17 novembre 2011 - 17:00
 
Lascia un commento | 17.11.2011
cecità

Cecità di José Saramago

Nel 1995 José Saramago, pubblica il romanzo ‘Cecità’’, una delle opere più note dello scrittore e giornalista portoghese, premio Nobel per la Letteratura nel 1998.
L’incipit del romanzo è, al contempo, sorprendente e inquietante: un automobilista fermo al rosso del semaforo si ritrova improvvisamente cieco. In preda al panico, l’uomo, che nel corso del romanzo verrà designato come ‘il primo cieco’, si precipita nell’ambulatorio di un oculista. Continua a leggere »

Pubblicato il giovedì 17 novembre 2011 - 16:55
 
Lascia un commento | 17.11.2011