Archivi categoria: giallo e noir

giallo e noir
sei-passi-nella-nebbia

E poi dicono che a Milano ci sia sempre la nebbia…

…e meno male, dovremmo rispondere, dato che la scomoda compagna delle mattinate milanesi è l’indiscussa protagonista di una gloriosa tradizione di letteratura noir italiana. Francesco G. Lugli arriva da quella scuola di cui si è nutrito avidamente per tanti anni. Dopo averci ambientato parte del suo primo romanzo (“Il Codice Beatles”, scritto insieme a Ferruccio Gattuso) ora torna sul luogo del delitto con una gustosa raccolta di racconti: “Sei passi nella nebbia” (DBooks, 2012, disponibile per ora solo in formato e-book). Continua a leggere »

Pubblicato il lunedì 7 gennaio 2013 - 10:35
 
Lascia un commento | 7.01.2013
capacita-nascoste

Quelle capacità nascoste…

L’handicap non esiste. Nel mondo del thriller si può parlare solo di differenti modi per risolvere casi intrigati. Sto parlando di quelle capacità nascoste che danno il titolo alla raccolta di racconti messa insieme con maestria da Sergio Rilletti e Elio Marracci. Il sottotitolo “La prima antologia diversamente thriller” spiega il karma che sta alla base dell’opera: uno dopo l’altro si avvicendano racconti in cui i protagonisti, diversamente abili, sono chiamati a risolvere casi intrigati. Continua a leggere »

Pubblicato il lunedì 5 novembre 2012 - 10:41
 
Lascia un commento | 5.11.2012
cover-casino-royale

Casinò Royale

James Bond compie Cinquant’anni ma in realtà ne avrebbe quasi Sessanta. Non possiamo dimenticare come la sua nascita sia databile di una decina di anni antecedenti alla prima cinematografica e sia dovuta ad un giornalista, ex banchiere ed ex spia britannica. Sto parlando di Ian Fleming che seppe adeguare la sua scrittura elegante alle torbide trame hard boiled in voga nella prima metà del secolo scorso. Continua a leggere »

Pubblicato il lunedì 16 luglio 2012 - 14:36
 
Commento (1) | 16.07.2012
rapporto

Rapporto in scala 1:1

Il detective assicurativo Sauro Badalamenti, con un passato fosco alle spalle, è chiamato a indagare su un tragico disastro aereo all’aeroporto di Malpensa. La sua spalla di sempre, Miranda Venegoni, direttrice del Labanof di Milano, è in prima linea per l’identificazione delle vittime di quello che pare essere un attentato terroristico senza precedenti, di possibile matrice islamica. Presto, infatti, appare chiaro che l’episodio è legato a una lunga scia di sanguinosi attacchi rivolti contro obiettivi civili in tutta Europa. Continua a leggere »

Pubblicato il mercoledì 30 maggio 2012 - 18:28
 
Lascia un commento | 30.05.2012
unilibro-libro-9788804494751g

Horror

A Isabel la vasca non era piaciuta fin dal primo momento. “ Una vasca che somigliava piuttosto a una vacca incinta, la grande pancia bianca che si curvava a sfiorare il pavimento: le zampe di ghisa arcuate verso l’interno.”Una vera vasca vittoriana di cui Jeremy e Susan, i genitori di Isabel, si sono perdutamente innamorati, non appena l’hanno vista nella bottega  del rigattiere di Fulham Road. Non hanno saputo resistere e ora è lì nel bagno di casa, spropositata per le piccole dimensioni della stanza. Continua a leggere »

Pubblicato il lunedì 16 aprile 2012 - 12:53
 
Lascia un commento | 16.04.2012
cover-segretissimi

Una tranquilla serata di spie e sangue a Milano

Negli anni Sessanta/Settanta in Italia era attiva una vera e propria industria del Cinema capace di sfornare prodotti commerciali a gettito continuo per una consistente massa di pubblico. Se il cinema americano produceva un successo o creava un genere commercialmente interessante, l’industria italiana era capace di imitarlo immediatamente in decine/centinaia di cloni più o meno simili all’originale. Continua a leggere »

Pubblicato il mercoledì 14 marzo 2012 - 16:22
 
Lascia un commento | 14.03.2012
COVER_dall-italia-con-amore

Cinquant’anni di Bond… James Bond

Un inserviente si muoveva tra i tavoli da gioco del Club “Le Cercle” di Londra alla ricerca di un agente segreto britannico per porgergli un biglietto da visita, segnale di immediata chiamata alle armi. Il tavolo del Chemin de fer era impreziosito dallo splendida presenza di una donna bruna in un vestito rosso mozzafiato. Un uomo elegante davanti a lei mostrava un Jack ed un Otto di Quadri. Lei aveva una Donna ed un Due: aveva perso e la cosa si ripeteva ancora nella mano successiva. L’uomo elegante apriva un portasigarette mentre la donna era costretta a firmare un assegno per coprire le perdite. «Ammiro il suo coraggio miss… » la voce dell’uomo era profonda e piena di fascino. Continua a leggere »

Pubblicato il giovedì 9 febbraio 2012 - 11:24
 
Lascia un commento | 9.02.2012