luna

Nuotando verso la luna

“Nuotando verso la Luna”, ambientato tra Milano e il Portogallo, affronta la coinvolgente avventura di una giornalista milanese che, reduce da un matrimonio fallito, sola e temporaneamente rimossa dalla redazione del giornale, si trasferisce in un incantevole borgo portoghese, al fine di mettere insieme i cocci di una relazione che, non solo l’aveva spenta come donna, ma rischiava di compromettere definitivamente la sua carriera professionale.

Dopo il divorzio,Samanta non riusciva più a scrivere con la brillantezza che l’aveva sempre contraddistinta.
Si occupava di problemi femminili, che lei tuttavia aveva sempre definito positivamente come i vari passaggi del mondo delle donne, dall’adolescenza alla menopausa, considerandoli naturali cambiamenti della vita.
Lei non aveva mai visto il bicchiere mezzo vuoto, ma la fine della storia con Paolo l’aveva prostrata, intaccando il suo entusiasmo e il suo modo spiritoso di ridimensionare i problemi.
Quel matrimonio aveva trasformato lentamente la sua esistenza in una sequenza di giorni vuoti, scialbi, simili a pietre che, alla fine, l’avevano annegata in un mare di tristezza.

Ad Albufeira, luogo incantevole sull’oceano atlantico, conosce un pittore, Alex: un uomo un po’ misterioso, il cui passato sembra oscurato da problemi con la giustizia.
Attratta dalla sua enigmatica personalità, lo frequenta, entrando presto in sintonia e innamorandosi di lui. Desiderosa di conoscere la verità, decide di indagare sulla sua vita passata e tra loro nasce una passione travolgente che Samanta vive fino in fondo, senza preoccuparsi per il futuro.

Alex è un uomo solo, da poco separato dalla moglie, con una bambina di nove anni, Melinda, a lui affidata, dato che la madre, malata di depressione, è in cura da uno psichiatra che diverrà il suo amante, innescando una serie di eventi drammatici. Il destino, che per caso li ha fatti incontrare, all’improvviso cambia rotta. La vita di Alex è di colpo travolta da avvenimenti dolorosi, causati dalla sua ex moglie, che lo sconvolgono, gettandolo in uno stato di profonda passività.

Samanta, dopo momenti di sofferenza e di sconforto, troverà il coraggio di dare una svolta alla sua vita e di seguire la scia luminosa che le restituirà la fiducia in se stessa e la gioia, finora negata, della maternità.

La storia di Samanta simboleggia la condizione femminile e la sua voce è quella di ogni donna che faticosamente tenta di uscire dal silenzio, nella speranza che qualcosa possa cambiare.

Un romanzo avvincente, dallo stile agile e fluido, che trascinerà il lettore con colpi di scena fino alla fine, ambientato nella cornice della magica Lisbona, con i suoi squarci mozzafiato, i languori del fado e gli assolati paesaggi dell’oceano portoghese

a cura di Luisa Colombo

Pubblicato il sabato 10 dicembre 2011 - 23:38
 
Lascia un commento | 10.12.2011

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*



*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>