“La bestia nella giungla”. Racconti d’autore

È la storia di un’attesa lunga una vita. Sono ancora molto combattuto sul decidermi se mi sia piaciuto o mi abbia annoiato. Di certo c’è che il finale ripaga la lettura, anche se lo fa con una stilettata in pieno petto, soprattutto se pensate che nella vostra vita siete stati tra le prede, o meglio tra le vittime, di questa “bestia nella giungla”. Ma non nascondo che in alcuni momenti sono stato sul punto di lasciare la (seppur breve) lettura.

Il racconto ruota intorno al rapporto di amicizia tra John Marcher e May Bartram. Siamo nella Gran Bretagna di fine Ottocento. I due protagonisti si conoscono già ventenni, anche se si erano incontrati una prima volta una decina di anni prima. Il racconto poi prosegue negli anni e decenni, fino alla vecchiaia dei due.

James tira molto la corda sul “grande evento” atteso dal protagonista. “Grande evento” che aleggia come un mistero su tutto il racconto e segna il rapporto tra Marcher e la Bartram. In un paio di occasioni, sembra sia sul punto, finalmente, di interrompere l’attesa e rivelare il mistero attraverso le parole della Bartram, ma sempre si ritrae, resta nel vago. Arriva anche a dire, verso la fine del racconto, che è già accaduto, è passato e anche finito, solo che Marcher non se n’è accorto. Neanche il lettore. O meglio, il lettore in un paio di occasioni ha il sospetto di quale possa essere questo “evento”. Ma non ci sono prove del suo passaggio.

Si deve arrivare veramente alle ultimissime pagine per capirlo e scoprire il perché James diede questo titolo al racconto. E se, come dicevo prima, siete stati tra le sue prede, non potrete che concordare con James, anche oggi, anche in questo nuovo secolo, in questo nuovo millennio. Perché questa bestia non ha età.

recensione a cura di Massimo Manganaro

Henry James, “La bestia nella giungla”. Racconti d’autore 21, Il Sole 24 Ore 2011

qui altri libri di Henry James

Pubblicato il lunedì 21 novembre 2011 - 11:29
 
Lascia un commento | 21.11.2011

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*



*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>